Musei senza barriere per ciechi e sordi con “Torino + Cultura accessibile”

TORINO. A Torino la disabilità sensoriale non rappresenta più un ostacolo alla fruizione della cultura. Merito della fondazione Carlo Molo, che ha lanciato un’iniziativa tesa ad estendere la programmazione cittadina al pubblico dei disabili sensoriali. Partito circa due settimane fa, il progetto – che prende il nome di “Torino + Cultura accessibile” – coinvolge alcuni dei maggiori operatori locali nel campo dell’arte, del cinema e del teatro; i quali si sono dotati di una serie di strumenti multimediali ,che permetteranno a ciechi e sordi di uscire dal circuito di nicchia, quello degli spettacoli rivolti specificamente ai disabili, per fruire liberamente della programmazione “standard”.
Per quanto riguarda il cinema, le sale dell’Eliseo, del Romani e la sala 1 e 2 del Massimo si sono dotate di un’applicazione (MovieReading) che consente alle persone con deficit uditivo di leggere i sottotitoli dei film direttamente sullo schermo del loro tablet o smartphone. L’app., che può essere scaricata gratuitamente dal sito http://www.moviereading.com, riconosce la pellicola in proiezione sfruttando il microfono interno del dispositivo e convertendone l’audio in sottotitoli perfettamente sincronizzati. I sottotitoli possono essere acquistati sul sito al costo di un euro 1 e 79 centesimi per file: nelle sale che aderiscono al circuito CinemAmico, presentando la ricevuta d’acquisto per la pellicola in programmazione, si potrà inoltre accedere con ingresso ridotto. Anche il Sottodiciotto film festival (in programma dal 7 al 14 dicembre) renderà accessibili alcune proiezioni, mentre il Torino film festival (in programmazione dal 22 al 30 novembre) parteciperà all’iniziativa con la resa accessibile de “La mossa del pinguino”, ultimo film di Claudio Amendola.
Nella programmazione teatrale, invece, si segnala la partecipazione del la Fondazione teatro stabile di Torino: grazie alla collaborazione di Sub-ti Limited (Londra) e Sub-ti Access (Roma), verranno realizzate la sottotitolazione e l’audiodescrizione dello spettacolo Gl’innamorati di Carlo Goldoni, in cartellone al Teatro Gobetti dall’11 al 16 febbraio 2014. In programma anche una replica con traduzione in Lingua italiana dei segni, realizzata dall’Ente nazionali sordi. Per quanto riguarda la cultura museale, poi, dal 2014 è prevista una tariffa scontata sull’Abbonamento musei per le persone con disabilità; le quali, a partire dalla prossima primavera, potranno inoltre fruire di una serie di visite con itinerari accessibili ai centri culturali della città, organizzate dall’associazione Torino capitale europea.
Un’iniziativa che, nelle parole degli organizzatori, si propone di “segnare un cambio passo, spostando l’attenzione da forme di spettacolo per i disabili sensoriali alla resa accessibile, quanto più allargata possibile, della programmazione culturale in essere”. Per informazioni: 011.817 14 83 progetti@fondazionecarlomolo.it (ams)

da Redattore Sociale del 04-11-2013

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...