Treni non accessibili al turista disabile «Questa è l’Italia»

CALALZO. Stupore in Cadore per quanto è successo venerdì alla stazione di Calalzo, dove ad un turista svedese di 45 anni, disabile in sedia a rotelle, non è stato consentito di salire sul treno delle 15.10 in partenza per Venezia. Convinzione generale era infatti che tutti i treni fossero abilitati. Preso alla sprovvista dalla notizia anche il sindaco di Calalzo, Luca De Carlo. «Non sono molto informato sul fatto», ha affermato, «anche se sono stupito che sui treni in circolazione nel 2013 non sia comunque possibile ad una persona disabile viaggiare come tutti gli altri cittadini. Non sono a conoscenza delle urgenze di questa persona, che non è comunque del posto; presumo però che, quando ha fatto il biglietto, abbia dimenticato di segnalare la sua disabilità. So solo che, dopo quanto successo ieri, questo turista rischia di essere denunciato per interruzione di servizio pubblico. Devo però purtroppo aggiungere che le barriere architettoniche presenti nei nostri paesi sono ancora molte. Prendete ad esempio il municipio di Calalzo: l’edificio è del 1929 e, per eliminare le barriere architettoniche per i cittadini che devono utilizzare gli uffici, dovrei costruire l’ascensore. In questo momento non è possibile, anche perché non ho i soldi per farlo». «Probabilmente quel signore, nel suo paese», ha affermato un volontario del CSV, «è abituato a salire sui mezzi pubblici, metro e treni in primis, quando e come gli pare. In Italia, però, solo alcuni convogli sono attrezzati per il trasporto delle persone diversamente abili e così s’è verificato il patatrac con la protesta plateale del turista, che ha giudicato il diniego un’ingiustizia». Controversi i commenti delle persone che si sono trovate ad assistere alla scena. «Immaginiamo che il disabile svedese non conosca l’Italia», afferma Enrico Meneghetti del Comitato cadorino per gli handicappati, «deve partire da Calalzo per portarsi in città per i suoi impegni e vede il treno, mezzo di servizio, partire lasciandolo a piedi. Anch’io mi arrabbierei molto, ed insisterei per salire. Poco interessa se poco dopo ne parte un altro: ho le mie cose da fare da altre parti, e un servizio deve essere efficiente. Sempre. Ma in Italia non è così. Invece di denuncialo per il ritardo arrecato, rifletterei sui servizi che offriamo nel nostro Paese». Ma, visto che si parla di Europa, qual è la direttiva vigente in casi come questo? Le disposizioni stabiliscono che “le persone disabili o con mobilità ridotta devono vedersi garantire il loro diritto al trasporto; perciò le imprese ferroviarie e i gestori delle stazioni devono predisporre un’adeguata assistenza e un accesso non discriminatorio ai treni”. Si presume in ogni occasione. Ma così non è. Vittore Doro

da Corriere delle Alpi del 10-11-2013

Annunci

One thought on “Treni non accessibili al turista disabile «Questa è l’Italia»

  1. Quanto detto dal sindaco è corretto in parte, egli infatti afferma che nell’acquistare il biglietto forse non ha detto della sua infermità, io però penso che chi gli ha venduto il biglietto abbia visto che era in carrozzina, quindi era sua dovere informarlo sugli orari coi treni che abbiano accessibilità ai disabili, per quanto io sia d’accordo che solo in Italia accadono queste cose.
    Voglio portare altri esempi di maleducazione italiana: mi accade spesso di arrivare ad un parcheggio per invalidi e trovare il posto accupato da chi l’invalidità ce l’ha solo in testa, e se aspettando educatamente che si liberi il posto, mi permetto di far osservare al mal capitato il cartello che evidenzia il contrassegno, spesso mi risponde anche male.
    Vogliamo poi accennare che per attraversare la strada in tutti gli altri paesi, non solo per i disabili, la macchine arrestano la corsa mentre qui ti suonano il clacson, quando sei a metà dell’attraversamento.
    Mi spiace dirlo ma siamo un popolo incivile, a partire dai nostri parlamentari o da chi ha un po’ di potere in mano, senza comunque generalizzare, quindi do tutto il mio appoggio al turista e chi l’ha denunciato dovrebbe usare il buon senso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...