Basket in carrozzina, egemonia Briantea: alla Unipol anche la Supercoppa

Era il quarto trofeo in palio quest’anno, l’ultimo del 2013. Per la Unipol Briantea84 è finita in trionfo come nelle precedenti tre occasioni (Coppa Italia, Vergauwen Cup in Europa e Scudetto). Per la prima volta nella storia i canturini hanno vinto la Supercoppa e questo è il suggello a una annata davvero straordinaria, come mai era capitato a nessuno, con una vittoria in ognuna delle manifestazioni alle quali Briantea ha preso parte. Nel basket in carrozzina italiano è egemonia Briantea. Davanti c’era ancora una volta il Santa Lucia Roma, rivale storico, battuto pure nelle finali scudetto e in Coppa Italia: 64-61 (11-15, 20-17, 19-14, 14-15) il punteggio della gara giocata a Palermo, equilibrata sino alla sirena.

LINDBLOM. L’ultimo quarto è stato quello dove la Unipol ha trovato il parziale decisivo, allungando fino a +7 (56-49) a 5 minuti dalla fine, con il massimo vantaggio (60-51) con soli due minuti da giocare. Non sono bastati liberi e triple di Berdun per il Santa Lucia, che pure si è avvicinato fino a un solo canestro. Una vittoria del gruppo, con un’ottima prestazione dello svedese Joakim Lindblom (23 punti con 9/14 da due e 6 rimbalzi) e altri tre giocatori in doppia cifra: lo statunitense Brian Bell (16), il tedesco Andre Bienek (12) e il britannico Ian Sagar (11). A nulla è valsa la reazione finale del Santa Lucia, guidato soprattutto dall’italo-argentino Adolfo Berdun (29), con Cavagnini (9), che ha brillato solo all’inizio. Marson – Un’altra bella soddisfazione per Alfredo Marson, presidente della Briantea84: “Mi piace questo gruppo che sta maturando grazie al lavoro, anche di tutta la società: ognuno porta il suo mattone, in società, in allenamento, in gara”. Il capitano, Nicola Damiano, ha voluto ricordare anche i giocatori che hanno vinto i trofei della scorsa stagione: “Questa vittoria è stata diversa dalle altre e soprattutto dobbiamo dedicarla a chi ci ha permesso di arrivare a giocarcela, ovvero i compagni di squadra che erano con noi l’anno scorso. È stata una battaglia incredibile, come sempre quando si gioca contro grandissime squadre come il Santa Lucia”.

ABES. Naturalmente felice Malik Abes, allenatore coach Unipol: “Un anno indimenticabile. Il quarto trofeo di questo 2013 strepitoso, più felici di così non potremmo essere. È una vittoria della squadra, abbiamo lavorato tanto nelle ultime settimane e tantissimo nei giorni che precedevano questo appuntamento. Sapevamo di potercela fare. Alla vigilia, dopo la video analisi, ho fatto vedere ai ragazzi una foto con scritto ‘Abbiamo vinto tutto’, ma ho spiegato che per poter veramente dire questa cosa, avremmo dovuto prenderci anche la Supercoppa. Ce l’abbiamo fatta, abbiamo giocato molto bene, pensato molto e il lavoro paga sempre”. I festeggiamenti sabato prossimo a Seveso in occasione della gara con S.Stefano. Santa Lucia – Altra sconfitta in una finale nel 2013 per i romani di Carlo Di giusto, che la passata stagione hanno perso nelle finali di campionato e in coppa Italia sempre con Briantea, e in finale di Champions Cup con il Galatasaray. Nella prima partita di questo campionato con i canturini hanno però vinto a Roma e sono in testa alla classifica senza sconfitte. C’è delusione, ma coach Carlo Di Giusto vede comunque il bicchiere mezzo pieno: “Siamo stati in partita per più di 30 minuti nonostante le assenze e l’infortunio di Sanna, che mi ha costretto a rimodellare la squadra in corsa. Ovviamente la sconfitta brucia, ma torniamo a Roma consapevoli di potercela giocare in campionato fino in fondo”.

di Claudio Arrigoni

da La Gazzetta dello Sport del 18-11-2013

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...