Quartieri senza “barriere” Tocca a Europa-Novacella

BOLZANO. Continua la guerra alle barriere architettoniche in città. Dopo gli interventi realizzati a Oltrisarco e Don Bosco, tocca a Europa-Novacella e al primo lotto di Gries: ben 85 gli ostacoli che saranno abbattuti, corrispondenti alle situazioni più gravi tra le 590 censite dalla coop Independent. Ma c’è di più: sul sito http://www.bolzanopertutti.it è online la mappa interattiva che (con un grado di dettaglio davvero soprendente)segnala tutti gli interventi già realizzati e quelli ancora da finalizzare. Dal 2011 il Comune di Bolzano è impegnato in un programma articolato di monitoraggio ed eliminazione delle barriere architettoniche. Il progetto promosso dell’assessorato ai lavori pubblici in collaborazione con il referente consiliare Ubaldo Bacchiega e la Consulta comunale per le diverse abilità, si chiama «Bolzano per tutti» e prevede una fase di verifica e monitoraggio professionale delle barriere architettoniche, quartiere per quartiere, affidata alla cooperativa sociale Independent e successivamente un piano d’azione per la loro eliminazione a cura dei competenti uffici comunali. Ieri in municipio l’assessore Luigi Gallo ha fatto il punto della situazione in una conferenza stampa cui hanno partecipato il rappresentante della coop Independent Enzo Dell’Antonio, Bacchiega e il tecnico comunale Mario Begher. «Si tratta è stato ricordato di un progetto molto ampio suddiviso in cinque tranche. Le barriere architettoniche vengono individuate su mappe cartografiche, descritte e documentate fotograficamente. Le mappe digitali con l’indicazione delle barriere esistenti sono consultabili sul sito http://www.bolzanopertutti.it. La fase di rilevamento tecnico in loco viene realizzata percorrendo le vie cittadine e analizzando ambo i lati delle carreggiate per individuare gli ostacoli che impediscono o rendono difficoltosa l’autonomia di movimento delle persone con disabilità fisiche e sensoriali. Una volta completata la ricognizione quartiere per quartiere, la coop Independent consegna il report al Comune che procede con gli interventi di eliminazione delle barriere, curati dalla «squadra» di Begher A Oltrisarco-Aslago, primo quartiere preso in esame, sono stati ultimati gli interventi previsti per un importo complessivo di 70.000 euro (risolte 32 delle 50 posizioni segnalate). A Don Bosco sono stati finanziati 32 interventi per una spesa di 100.000 euro. «I lavori saranno realizzati nel corso di quest’anno» riferisce Begher. Ora la coop ha consegnato un nuovo dossier: quello relativo a Europa-Novacella e parte di Gries (zona ospedale): una superficie complessiva di 160 ettari, in cui sono state rilevate complessivamente 590 posizioni. Non tutte però sono da considerarsi critiche: 85 di queste saranno oggetto di lavori finanziati con il bilancio 2014, mentre nel 2015 toccherà al Centro. Partner del Comune in questo progetto è la coop Independent, fondata su iniziativa di nove disabili fisici e operativa su tutto il territorio provinciale dal 1997.

da Corriere Alto Adige del 17-01-2014

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...