Gradini e dislivelli Corsa a ostacoli in centro storico

Tra la piazza delle Erbe e la Basilica ci sono ancora barriere architettoniche e rampe non a norma Ora si vuole ripristinare la commissione speciale.

VICENZA. Non è (ancora) una città per diversamente abili. Non sempre camminare in piazza, girare attorno alla Basilica e recarsi in qualche bar per bere un caffè è un´impresa facile. Specie per chi è costretto a rimanere seduto su una carrozzina. Quelli che per i progettisti possono essere considerati degli ostacoli invisibili, diventano barriere insormontabili per chi deve fare i conti ogni giorno con gradini e dislivelli.
LA SITUAZIONE. Il problema è noto. Certo, negli ultimi anni sono stati eseguiti lavori a regola d´arte «ma purtroppo – spiega Enrico Agosti, responsabili dell´associazione H81 – c´è tanto lavoro da fare. Spesso chi progetta edifici o altre strutture si dimentica di tenere conto delle esigenze di tutti. Ed è un problema, soprattutto se si tratta di immobili pubblici. La legge parla chiaro. Se le amministrazioni spendono denaro e realizzano opere che non sono accessibili, allora scatta la discriminazione».

UN GIRO IN PIAZZA. In centro storico non ci sono di certo muri insormontabili, ma le barriere architettoniche non mancano. Anche all´ombra del gioiello del Palladio. È sufficiente recarsi in piazza delle Erbe e decidere di visitare la Basilica. Le opzioni sono tre: affrontare gli storici gradini che portano al monumento, provare a salire poco più in là per arrivare in piazzetta Palladio oppure percorrere la nuova scalinata realizzata dopo il maxi-restauro. Tre scelte e nessuna rampa, neppure in corte dei Bissari, fresca di riqualificazione. Come fare per arrivare al traguardo? Contrà Pigafetta o Piazza Biade.

RAMPE E PARCHEGGI. Da piazza dei Signori la situazione non cambia. O meglio, la Basilica è servita da una rampa, ma i problemi sorgono altrove. «Ad esempio – spiega Agosti – in Loggia del Capitaniato. Qui c´è una rampa di accesso ma non è a norma. Dovrebbe avere al massimo una pendenza dell´8 per cento. Mentre in questo caso è del 15 per cento». È un altro problema di “salita” si verifica a pochi passi dalla Casa di cura Eretenia. «In questo caso – aggiunge il responsabile di H81 – lo stallo di sosta non è orizzontale. È in pendenza. E potrebbe esserlo al massimo per l´uno per cento». Senza dimenticare che a complicare il percorso si aggiunge anche il porfido. Che è elegante, ma il più delle volte problematico. «I sampietrini si staccano – racconta Agosti – e le ruote delle carrozzine s´incastrano». Infine, si può anche spostarsi dal centro «e guardare alla nuova passerella tra stadio e università. Come fa un diversamente abile a salire da via Schio? Impossibile». Da qui la richiesta: «I progettisti vanno aiutati».

LA MOZIONE. L´appello di Enrico Agosti viene raccolto dai consiglieri comunali di maggioranza e opposizione. Raffaele Colombara (lista Variati), Eugenio Capitanio (Pd) e Lucio Zoppello (Forza Italia) hanno firmato una mozione per chiedere di ripristinare la commissione Piano eliminazione barriere architettoniche (Peba) «composta – si legge – da rappresentanti degli uffici tecnici del Comune, Aim e Amcps, Ulss 6 e dalle varie associazioni di volontariato».
Costituita nel 1999 la Peba ha cessato ogni attività nel 2007. «Ma i problemi – spiega Colombara, presidente della commissione sociale – rimangono. Come amministratori abbiamo il dovere di rimuovere ogni ostacolo che possa creare emarginazione o differenze». Compito della Peba è quello di aiutare i progettisti del Comune e vagliare i progetti che vengono presentati «predisponendo – specifica il consigliere – eventuali modifiche ed eliminando le barriere architettoniche. In un momento di difficoltà è necessario razionalizzare le poche risorse che ci sono per i lavori, utilizzando l´esperienza di chi è coinvolto direttamente». La mozione sarà vagliata dalla commissione nei prossimi giorni e arriverà poi in Consiglio.

di Nicola Negrin

da Il Giornale di Vicenza del 28-01-2014

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...