Turismo per tutti servono politiche abbatti barriere

GARDA. Sono attesi oltre 70 comuni del lago e dell’entroterra gardesano e decine di associazioni legate a vario titolo alla disabilità in tutto il Veneto all’incontro «Il Lago senza barriere – Convegno sulle opportunità di finanziamento a livello europeo per favorire l’accessibilità in ambito urbano, turistico e culturale», organizzato per venerdì a Garda, nella sala congressi sul Lungolago Regina Adelaide.
È al lavoro da mesi Giuseppe Righetti, consigliere comunale di Negrar delegato alle barriere architettoniche e presidente del nuovo gruppo regionale che intende favorire vita di relazione e partecipazione alle attività sociali e produttive da parte delle persone con disabilità. Ideatore del protocollo «Valpolicella senza barriere», che sta esportando nel Triveneto e in Italia centrale, Righetti auspica che dal convegno a Garda nascano nuove forme di collaborazione tra istituzioni e cittadini, «per ridurre quelle distanze che limitano e feriscono i disabili nella loro dignità di persone e non permettono veri progressi di civiltà per la vita di tutti, anche di bambini e anziani».
Per l’incontro lacustre Righetti ha fatto le cose in grande, ottenendo il patrocinio della Commissione europea e una lettera di complimenti del presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz, che loda tutte le iniziative come questa, «volte a favorire uguali diritti e possibilità a tutte le persone, come negli obiettivi dell’Europa». Numerosi gli ospiti previsti al convegno, che inizia alle 15, con interventi di politici locali, regionali ed europei ed esperti del settore turistico, moderati dal presidente dell’associazione «Village4All» Roberto Vitali. Portano i saluti i sindaci di Garda, Antonio Pasotti, e Verona, Flavio Tosi, poi Giuseppe Righetti, il vicepresidente della commissione cultura del Parlamento europeo Lorenzo Fontana, il direttore dell’ufficio regionale della Commissione europea a Milano Fabrizio Spada, gli assessori regionali a formazione, istruzione e lavoro Elena Donazzan e alle politiche sociali Remo Sernagiotto.
Quindi si passa agli interventi sul turismo accessibile visto come sfida in chiave europea, insieme alla funzionaria della Commissione europea su Turismo cultura e impresa Antonella Correra, al direttore dell’Eurosportello Veneto Francesco Pareti e a Flavia Coccia per Unioncamere nazionale. Conclusioni verso le 17, affidate all’assessore regionale al turismo Marino Finozzi. (C.M.)

da L’Arena del 19-02-2014

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...