Libero Accesso, premio al super-lavabo “Cento80”

Design for All: menzione anche per l´armadio Armhando, il dispenser Falcon e la “Zip Fly”.

SCHIO. Individuare un bisogno che c´è nella società, riunire la capacità progettuale del designer, la conoscenza tecnica dell´imprenditore e i consigli di coloro che saranno poi gli utilizzatori concreti del prodotto, in modo da far nascere oggetti innovativi che aprono nuovi mercati alle aziende, ma che sanno orientare anche alla sostenibilità e facilitano la cosiddetta inclusione sociale perché diventano prodotti fruibili “da tutti”, secondo la filosofia del Design for All. Il tutto con tanto di brevettazione ed entrata in produzione, come vuole un concreto piano d´impresa.
C´è tutto questo dietro la giornata “Prove tecniche di futuro, case e prodotti fuori standard” organizzata da Confartigianato Vicenza ieri al Lanificio Conte di Schio, inserita nella Settimana dell´Artigianato, che ha visto anche la premiazione dei progetti vincitori della quarta edizione di Libero Accesso, progetto che favorisce appunto l´ideazione di nuovi prodotti attraverso gruppi di lavoro.
Per l´edizione 2013 è stato decretato vincitore “Cento80”: è un lavabo che ruota di 180 (di qui il nome) attorno a un asse verticale, con la parte inferiore arretratae con la possibilità di regolarne l´altezza. È quindi di super-accessibilità, per le esigenze di persone con problemi motori, ma anche per bambini o anziani. Il funzionamento è semplice e intuitivo: “Cento80” nasce anche da una riuscita operazione di design e quindi può conquistare, oltre alle abitazioni, anche alberghi, ristoranti o bar.
“Cento80” è stato realizzato dalla Gioli Arreda di Barbarano Vicentino su un progetto guidato dall´arch. Liliana Dal Toso e con la consulenza di Lucio Vicentini (H81 Insieme Vicenza Onlus). Libero Accesso ha riservato menzioni speciali anche ad altri tre progetti: “Armhando” (di Arredolegno di Malo e della cooperativa sociale Verlata Lavoro di Villaverla), un armadio che ha la capienza di un “quattro stagioni” ed è dotato di un sistema meccanico in cui sono le cose ad abbassarsi e non le persone a doversi alzare. Il sistema è a cestelli che si muovono con la sola pressione della mano. Per chi deve invece prendere farmaci più volte al giorno, con tempistiche e dosaggi da ricordare, ecco il dispenser “Falcon” (della Baby Plast di Armando Cariolato, Monte di Malo): un sistema composto da una serie di caricatori porta-pillole che all´ora stabilita produce una vibrazione/suono. La terza menzione è per “Zip Fly”. L´impresa è la bresciana Giovanni Lanfranchi di Palazzolo sull´Oglio, proprietaria del marchio “Lampo”: un semplice e intuitivo incastro a pressione per la zip.
da Il Giornale di Vicenza del 22-03-2014

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...