Pioggia di medaglie ai «nazionali» sette palermitani sul podio di Cesate

Pioggia di medaglie al Campionato italiano di judo Fisdir (Federazione italiana sport disabilità intellettiva relazionale) per la società palermitana Asd Shiro Saigo, che piazza 7 atleti sul podio. Infatti i ragazzi diversamente abili, tesserati per l’associazione sportiva che opera nel quartiere Zisa, hanno ottenuto tre medaglie d’oro, due d’argento e due di bronzo nel corso della competizione che si è svolta a fine marzo a Cesate (Milano). I campionati italiani, giunti alla sesta edizione, hanno visto la partecipazione di 58 atleti tra settore agonistico (26 iscritti) e promozionale (32 partecipanti) appartenenti a 9 società, di cui solo due del Meridione (la Asd Shiro Saigo è l’unica esponente della Sicilia e ha iscritto 7 atleti).
A diventare campioni italiani sono stati Gabriele Zarbo (categoria 55 kg), Gaspare Gabriele Alfeo (60 kg) e Alessio Terracchio (+100 kg), con i primi due che hanno bissato la vittoria conseguita nel 2013 a Sandigliano (Biella), mentre Terracchio ha migliorato il secondo posto ottenuto l’anno scorso in terra piemontese. A conquistare il secondo gradino del podio sono stati invece Davide Migliore (categoria 60 kg), che supera così il terzo posto del 2013, e Giovanni Scelsi (classe promozionale per la categoria 55 kg). Infine le due medaglie di bronzo conquistate da Giuseppe Caccamo (81 kg) e Francesco Gliubizzi (classe promozionale per la categoria 55 kg). In pratica ognuno dei partecipanti palermitani è tornato a casa con una medaglia al collo. Risultati che – presi nel complesso – hanno consentito alla Asd Shiro Saigo, guidata dal maestro Rosolino Giglio e dal direttore tecnico Giosuè Giglio, di ottenere il secondo posto nella classifica nazionale delle società (vinta dallo Judo Club 21 di Torino), cioè un gradino più in alto rispetto al piazzamento dell’anno precedente.
E a rendere ancora più dolce la trasferta lombarda c’è la convocazione del quindicenne Davide Migliore nella nazionale italiana che parteciperà dal 21 al 26 maggio al primo meeting internazionale di judo per down organizzato dall’Anddi Portugal (l’associazione nazionale dello sport per il ritardo mentale del Portogallo), che si svolgerà a Póvoa de Varzim, comune a 30 chilometri a nord di Porto. E’ la prima volta che un atleta siciliano affetto da sindrome di Down viene selezionato da una rappresentativa italiana per una competizione internazionale.
«Siamo contenti – spiega Giosuè Giglio – di aver portato sul tetto d’Italia la Sicilia dei diversamente abili e il judo siciliano. Un ringraziamento particolare va ai genitori, alle federazioni sportive (Cip Sicilia e Fisdir Sicilia), allo sponsor Banca Nuova e a tutti coloro i quali, in qualunque modo, hanno sostenuto l’attività contribuendo al raggiungimento del trionfo». Felicità che viene espressa anche dalla presidentessa del Cip Sicilia (Comitato internazionale paralimpico), Roberta Cascio, che si congratula con la società e con i suoi atleti per avere «compreso appieno il significato dello sport paralimpico, con l’augurio che nel futuro possiate essere presi da esempio dalle altre società Fisdir».
Ma. G.

da La Sicilia del 11-04-2014

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...