Non vedenti: a Villa La Quiete il punto sulle problematiche dei disabili visivi

FIRENZE. Una giornata dedicata all’ipovisione e alla cecità. Appuntamento lunedì 5 maggio alle 9 a Villa La Quiete (via di Boldrone 2), dove si svolgerà “Con altri occhi”, un’iniziativa del Centro studi e ricerche per le problematiche della disabilità in collaborazione con il Dipint, Dipartimento istituzionale integrato Azienda ospedaliero-universitaria di Careggi e Università degli Studi di Firenze alla quale parteciperà anche il presidente provinciale dell’Unione Italiana Ciechi Antonio Quatraro.

Proprio dopo i saluti, tra gli altri, del rettore Alberto Tesi e del direttore generale dell’Azienda di Careggi Monica Calamai, a prendere la parola saranno cinque fisioterapisti non vedenti laureati a Firenze che racconteranno la loro esperienza professionale.

“Da oltre 15 anni – dice Quatraro, – l’Uic collabora con Medicina, che organizza corsi per fisioterapisti. Ecco, gli allievi non vedenti hanno modo di frequentarli insieme ai loro coetanei normodotati grazie ad un servizio di tutoraggio. Un corso che funziona molto bene, come dimostra il fatto che molti laureati non vedenti hanno poi trovato lavoro in strutture pubbliche e private”. Una sinergia, quella tra l’Uic e l’Università, resa possibile grazie alla lungimiranza dei dirigenti dell’Ateneo e della presidente del Cespd Sandra Zecchi Orlandini i quali, portando avanti le idee del professor Carlo Monti, hanno concretizzato quel sogno di offrire anche a chi non vede l’opportunità di conseguire una laurea in ambito sanitario.

“Firenze, che è stata la culla della professione del massaggio, con questa esperienza vuol dimostrare la validità dei risultati conseguiti in 80 anni, adattando le risposte alle nuove esigenze del comparto sanitario italiano – aggiunge Quatraro -. Da parte nostra, faremo di tutto affinchè l’esperienza universitaria prosegua, mantenendo sempre il passo con le esigenze culturali e formative richieste da un mercato del lavoro in continua evoluzione.

La giornata proseguirà nel pomeriggio con tre laboratori: “Vietato Non toccare”, percorso multisensoriale ispirato alla Farmacia settecentesca con particolare riferimento alle essenze e agli aromi di Villa La Quiete, a cura di Lucia Sarti dell’Ufficio Accoglienza Disabili dell’Università di Siena; “Corpi: memorie antiche e immagini della mente”, percorso tattile finalizzato alla conoscenza dei sistemi percettivi del corpo umano nella storia dell’arte delle origini e dell’antichità, proposto da Fabio Martini del Museo e Istituto Fiorentino di Preistoria; “T-Vedo: ricostruzione tridimensionale di opere d’arte”, nel corso del quale si realizzeranno dei bassorilievi tattili di tre opere presenti a Villa La Quiete.

da La Nazione del 04-05-2014

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...