Brixia Accessibility Lab apre le porte alle idee per migliorare il mondo

Il referente del laboratorio bresciano è soddisfatto: «L´accessibilità dei luoghi rende tutti autonomi».

BRESCIA. Il diritto all´accessibilità deve diventare una linea guida per la costruzione della società di domani, non un «favore» che viene concesso ai disabili. Per questo l´Università degli Studi di Brescia, grazie all´intuizione del ricercatore Alberto Arenghi, ha dato vita al Brixia Accessibility Lab (BrAL), già attivo in altre università italiane come Torino, Firenze, Napoli e Reggio Calabria. Lo scopo di questo laboratorio, composto da 19 persone fra docenti e ricercatori dei dipartimenti di Economia, Giurisprudenza, Ingegneria e Medicina, è quello di elaborare idee e progetti per rendere più accessibili prima di tutto i luoghi di interesse culturale e al contempo porsi come team di consulenza per enti pubblici e privati che volessero modellare i propri progetti davvero a misura delle persone di tutte le età e di tutte le condizioni psicofisiche.
«L´ACCESSIBILITÀ indica l´attitudine di un habitat a garantire ad ogni persona una vita indipendente – spiegano i referenti del laboratorio -. Il nostro scopo è quello di definire, consolidare e promuovere una nuova cultura che veda l´accessibilità dell´habitat come una grande risorsa collettiva per l´umanità, per rendere più vitali, sicure e coese le comunità locali, per la valorizzazione del patrimonio architettonico e paesaggistico».
«Il BrAL rientra nel concetto strategico più ampio di Health & Wealth verso cui l´Università bresciana è ormai sempre più orientata» aggiunge Giovanni Plizzari, direttore del dipartimento di Ingegneria.
«L´accessibilità – sintetizza Maurizio Tira, delegato del rettore per la disabilità – va a beneficio di tutta la popolazione, non solo dei disabili. È tempo di cambiare questo punto di vista. L´accessibilità è un valore che attiene al diritto di ciascuno di determinare la propria esistenza e di partecipare alla vita collettiva e alla crescita della società sulla base dell´uguaglianza con gli altri».
«Accessibilità e benessere possono essere uno la declinazione dell´altro. Dobbiamo passare dall´atteggiamento rivolto alla “cura” a quello del “prendersi cura” che prevede una cultura dell´attenzione costante nel tempo» spiega Alberto Arenghi nominato direttore del Brixia Accessibility Lab. Il laboratorio, coinvolgendo ricercatori e docenti di tutti e quattro i dipartimenti dell´Università, garantisce una completezza di saperi in grado di affrontare una vasta gamma di temi. Si parte, però, prima di tutto dall´accessibilità ai luoghi di interesse culturale.
«OGGI I DATI CI DICONO che investire in cultura conviene – prosegue Arenghi -, e sebbene i continui tagli alla cultura vanno nel senso opposto, allocare risorse in questo settore può far crescere il Prodotto interno lordo. Per questo motivo ci applicheremo anche pensando al turismo». L´idea dell´Accessibility Lab nasce in Italia circa tre anni fa e già alcuni atenei hanno abbracciato questa filosofia. Ciò permetterà alle varie strutture di consorziarsi a livello nazionale per ottenere visibilità per diffonderne la cultura e richiamare o ottenere finanziamenti che ora invece sono ridotti all´osso. «Oggi non possiamo più evitare di diventare anche ricercatori di fondi per sviluppare i nostri progetti» ammette Arenghi, «per questo siamo sempre più orientati verso l´esterno attivando consulenze anche con chi lavora fuori dal contesto universitario». «Se c´è bisogno di un laboratorio del genere vuol dire che manca ancora la cultura dell´accessibilità. Bisogna cambiare il modo di vedere le cose a partire da chi le progetta. Il riconoscimento di strutture per tutti ha un ritorno importante anche dal punto di vista economico, è dunque davvero nell´interesse di ciascuno che l´accessibilità sia un valore universale» è il commento dell´assessore provinciale con delega all´Istruzione Aristide Peli.

di Silvana Salvadori

da Bresciaoggi del 19-06-2014

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...