“Barriere”, disabili controllano i lavori

AVERSA. Sono scesi direttamente in strada i disabili di Aversa, per controllare che i lavori di riqualificazione di via Vito Di Jasi rispettassero le norme sull’abbattimento delle barriere architettoniche. Un blitz non atteso quello dei diversamente abili, i quali hanno riscontrato, nel corso del loro sopralluogo, una serie di irregolarità e disfunzioni. Il gruppo, formato dal presidente della consulta dei portatori di handicap, il non vedente Marco Olivetti, dai disabili motori Carlo Zaccariello e Liliana Di Giorgio, accompagnati dall’architetto Carla Cuomo, esperta in progettazione universale, ha percorso tutti i marciapiedi in fase di completamento, suscitando la curiosità dei passanti e dei tecnici e referenti della ditta Gruppo Lavoro srl che, dall’altro lato della strada, erano alle prese con i lavori in corso. «I disagi – afferma Olivetti – riguardano, in particolare, alcune rampe non a norma e i percorsi tattilo-plantari per i ciechi, che non risultano ancora installati. Inoltre, diverse aree di accesso per i disabili risultavano ostacolate da veicoli parcheggiati in malo modo. Debbo dire, comunque, che la polizia municipale, da noi sollecitata, si è immediatamente attivata per rimuovere con appositi carri-gru le tante vetture che trasgredivano il codice stradale».
I diversamente abili hanno potuto interloquire, di persona, con i referenti dell’impresa appaltatrice. «Il confronto – continua Olivetti – è risultato molto interessante, poiché la ditta che sta eseguendo i lavori si è rivelata molto attenta e sensibile alle nostre segnalazioni, tese a migliorare i percorsi per i disabili. Ampie garanzie sono state fornite per rimediare alle imperfezioni dei lavori». Al fine di poter concordare un piano di interventi utili in via Di Jasi, il presidente della consulta dei portatori di handicap incontrerà, questa mattina, l’assessore ai Lavori pubblici Elia Barbato. In tale occasione, Marco Olivetti solleciterà l’amministrazione ad adottare il Piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche, come indicato dal presidente dell’Associazione nazionale dei Comuni, Piero Fassino, in una nota ufficiale dello scorso mese di settembre. «Dalle associazioni di tutela dei diritti delle persone con disabilità – scrive Fassino ai colleghi sindaci – riceviamo ripetute segnalazioni sulla mancata adozione, da parte di molti enti locali, dei Piani di eliminazione delle barriere architettoniche, la cui adozione era stata prevista dalla Legge 41 del 1986». (i.ric.)

da Il Mattino del 07-10-2014

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...