Lettere al Direttore de Il Resto del Carlino

REGGIO EMILIA. Ho letto con molta attenzione il servizio pubblicato dal giornale da Lei Diretto martedì scorso, a cura della bravissima giornalista Benedetta Salsi, dal titolo «La città a ostacoli», su disabili e trasporto pubblico, un’odissea per prendere il bus, piazza del duomo impraticabile…
La nostra associazione Anmic Associazione nazionale mutilati e invalidi civili dal 1956 rappresenta su tutto il territorio nazionale gli invalidi civili. Dal 1961 sono tesserato dell’associazione e da circa dieci anni sono il presidente provinciale della stessa. Ho 80 anni, sono un disabile motorio e tutte le mattine mi reco alla nostra sede, in via Dante Alighieri, in città. A nome mio personale, del direttivo e penso di interpretare il pensiero di tutti gli iscritti, sento il dovere di ringraziare Lei, e in primis la giornalista dott.ssa Benedetta Salsi, per aver scritto una così minuziosa e puntuale indagine sul mondo della disabilità reggiana. Un lavoro svolto in compagnia del presidente provinciale Fand, Vincenzo Tota, persona importante per la disabilità del territorio per la preparazione e l’entusiasmo che manifesta a favore di noi disabili reggiani e non solo. Complimenti davvero: un lavoro minuzioso e puntuale. Trovo bellissima l’idea del suo giornale di «adottare» il luogo simbolo della città: piazza Prampolini, il cuore della reggianità, il municipio, il duomo, la statua del Crostolo. Ora tutti insieme, il Resto del Carlino e i disabili, abbiamo un sogno: in dodici mesi rendere piazza Prampolini accessibile e bella per tutti. Volutamente non mi soffermo ad analizzare tecnicamente quanto con precisione la giornalista ha scritto: aver scelto di fare tutto il percorso in carrozzina è già un atto di simpatia nei confronti della disabilità. Direttore, noi ci crediamo, scommettiamo con Lei, i disabili del territorio non vogliono essere solo i rompiscatole, i disabili vogliono sognare perché il sogno è bello Se poi si realizza non sarà certo un particolare Pietro Schiatti Abbiamo deciso di pubblicare in questi giorni un’inchiesta fatta sul campo perché l’attenzione sul tema della barriere architettoniche resti alta. Promettiamo il nostro impegno affinchè nei prossimi mesi si faccia quanto possibile perché, almeno un luogo della città, sia accessibile davvero. Lo abbiamo scritto: bene gli spot, ma poi ci vuole sostanza.
Luigi Manfredi

da Il Resto del Carlino del 09-10-2014

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...